Fiori di Bach e Floriterapia: Di Cosa si Tratta?

Fiori di Bach e Floriterapia: Di Cosa si Tratta?

Dopo aver visto in cosa consiste l’Omeopatia e dopo aver chiarito in cosa si differenzia dalla fitoterapia, oggi vediamo cosa significa floriterapia, meglio conosciuta come terapia dei Fiori di Bach. Pronti? Cominciamo!

Fiori di Bach e Floriterapia: Di Cosa si Tratta?

La floriterapia mira a restituire l’armonia al corpo e alla mente attraverso il dolce e naturale potere curativo dei fiori, i cui principi energetici agiscono a un livello molto profondo dello stato d’animo, riuscendo a liberare quelle energie che, nell’individuo malato, sono bloccate. La floriterapia piú conosciuta, efficiente e riconosciuta,  tanto da essere uno dei presidi terapeutici raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanitá, è quella ideata dal medico britannico Edward Bach e conosciuta come terapia dei Fiori di Bach. Successivamente sono state sperimentate altre specie di fiori (californiani, australiani, francesi, indiani e alaskiani), con effetti curativi piú o meno efficaci.

Fiori di Bach: Principio Base

Secondo Bach qualunque malattia (dall’artrosi alla balbuzie alla cistite) è sempre la concretizzazione di un atteggiamento mentale e la floriterapia agisce proprio modificando lo stato mentale del paziente attraverso l’assunzione di poche goccie dell’opportuno rimedio omeopatico. Guarire con l’omeopatia non significa quindi assumere una sostanza in grado di far scomparire i sintomi della malattia, come si fa nella medicina tradizionale, ma significa risalire alle cause interne che scatenano quei determinati sintomi, chiedendosi cosa realmente non funziona nella propria vita.

Allo stesso modo, i rimedi omeopatici sono dei catalizzatori di consapovelezze, non eliminano il sintomo ma lo riportano all’equilibrio con la personalità dell’individuo. Studiando i fiori e gli alberi, Bach seppe individuare i vegetali più adatti per curare stati d’animo ed emozioni come la paura, la mancanza di concentrazione, l’ipersensibilitá, l’insicurezza e molti altri ostacoli interiori che sono alla base di una vita difficile e infelice. Infatti, secondo Bach un uomo sano è un uomo felice, sia perchè la felicitá porta con sé la salute si aperchè una persona felice non è succube di nessuno, vive la sua vita e aiuta chi gli sta vicino.

Fiori di Bach: Come e Quando

Le essenze identificate da Bach sono 38, piú un rimedio di “pronto soccorso”, il Rescue Remedy, formato dalla combinazione di 5 fiori e normlamente considerato il 39º riemdio. Ogni rimedio corrisponde a uno stato psicologico potenzialmente in grado di alterare il nostro equilibrio e produrre quindi la “malattia”.

I 38 rimedi possono essere combinati tra loro a seconda delle necessitá di ognuno, anche se generalmente si consiglia di non usare più di 5 essenze insieme, cosí da poter valutare con chiarezza il loro effetto ed, eventualmente, correggere la cura. Da tenere presente che con i Fiori di Bach…Non bisogna avere fretta, il risultato ci ricompenserá della fatica dell’attesa!

Spero che questo piccolo approfondimento sui Fiori di Bach vi sia piaciuto, la prossima volta parleremo di come arrivó il signor Edward Bach a scoprirli, come si preparano e, cosa che penso vi interesserá molto, quali sono e cosa curano i 38 Fiori di Bach. Alla prossima!

No Responses

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.